NewsLetter
9.png
 

Omosessualità e fede

 
 

Omosessualità e fede, sono compatibili? Guarda il dibattito

 

Dr. Michael L. BrownIl Dr. Michael L. Brown e Harry Knox si confrontano sul tema alla luce della Bibbia


di Francesco Giorgio Lombardo

 

Il tema dell'omosessualità oggi è uno dei più discussi nella nostra società. Sul web, sui giornali, in TV: se ne parla ovunque. Differenti sono le posizioni in merito e spesso è difficile comprenderle tutte e percepirne le sfumature.


In questi due video, già apparsi su predicazioni.it ed interamente doppiati in italiano possiamo seguire il dibattito che ha visto partecipare il Dr. Michael L. Brown, Giudeo credente in Cristo Gesù, autore cristiano, studioso biblico, oratore e conduttore radiofonico, e il Rev. Harry Knox, attivista per i diritti degli omosessuali.


Interessanti i punti proposti, accompagnati dalla risposta a domande del moderatore dell'incontro e del pubblico.

 

Parte 1

 

Parte 2

 

Il più convincente risulta il Dr. Michael L. Brown, che pare più imparziale e più solidamente fondato sulla Bibbia. Lascia di stucco una forzatura delle Scritture ad opera del Rev. Harry Knox che interpretando erroneamente il passaggio di 1 Samuele 18:17-28, arriva a ipotizzare una presunta bisessualità del Re Davide. Ma risulta chiaro come il riferimento alla seconda possibilità di diventare il genero di Saul fosse dovuta non a presunte relazioni di Davide con Jonathan, ma con la prima possibilità poi sfumata, di avere una delle figlie di Saul come moglie.


Questo modo di interpretare è di parte e pretestuoso. Infatti è risaputo come nell'Antico Testamento e dunque in Israele l'omosessualità non fosse accettata ma ritenuta un abominio a Dio, sarebbe assurdo dunque solo pensare che non solo uno degli scrittori biblici abbia potuto parlare di ciò, per di più riferito a Re Davide (il più amato dei re di Israele) ed essere poi comunemente accettato nel canone dei testi sacri.


Questo è solo un esempio di interpretazione forzata del testo biblico, che parte da una presa di posizione a priori (l'idea errata secondo cui la Bibbia ammetta l'omosessualità come forma di amore) e distorce le Scritture per fare dire ad esse ciò che in realtà non dicono.


Un plauso invece va al Dr. Michael Brown che non solo è un ottimo studioso biblico, che ha studiato le lingue originali, ma dimostra anche un cuore che, senza compromettere la verità, rimane compassionevole e sensibile verso la sofferenza che molti omosessuali vivono.

Commenti

Accedi o registrati per lasciare un commento
 
 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information